La digitalizzazione del punto vendita è ormai diventata una tendenza pervasiva e trasversale, tanto che gli imprenditori nel settore del commercio al dettaglio non possono più permettersi di trascurarla. Il rischio, altrimenti, è di perdere importanti opportunità commerciali e, in generale, di essere tagliati fuori da una evoluzione che non è solo tecnologica ma anche, soprattutto, culturale.  

Prima di parlare delle iniziative con cui è possibile rinnovare il negozio – in questo articolo le sintetizziamo in 4 punti – diamo uno sguardo a come le piccole e medie realtà commerciali del nostro Paese stanno affrontando la trasformazione digitale. 

 

Rinnovare il negozio con i dispositivi intelligenti e il cloud computing: come cambiano le PMI  

Secondo la “Rilevazione sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle imprese”, effettuata da Istat tra maggio e luglio 2021, proprio grazie alle risorse offerte dalla trasformazione digitale il commercio al dettaglio sta finalmente affrancandosi dalla logica di emergenza che ha caratterizzato l’ultimo biennio. 

  • L’uso di dispositivi intelligenti controllati via Internet (IoT) è in decisa crescita e le imprese italiane con almeno 10 addetti sono oggi ottave in Europa. 
  • Nel 2021 il 60,3% delle piccole e medie imprese (PMI) italiane ha raggiunto almeno un livello base di intensità digitale (56% la media Ue27).  
  • Tra le imprese con almeno 10 addetti il 41,9% ha acquistato servizi di cloud computing di livello medio-alto e il 51,9% di livello intermedio e sofisticato.  

Nell’ambito dell’ottava edizione del convegno “Il digitale nel Retail: dall’idea all’azione”, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano, l’Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail ha evidenziato come l’incidenza degli investimenti in digitale sul fatturato dei commercianti italiani sia passata nel 2021 al 2,5% (in crescita di mezzo punto percentuale rispetto all’anno precedente) .  

Questi investimenti sono quasi equamente distribuiti. 

  • Il 39% per la digitalizzazione del negozio. 
  • Il 30% per il back-end. 
  • Il 31% per il potenziamento dell’omnicanalità. 

L’andamento nel tempo degli indicatori della transizione digitale mostra quindi un progresso, lento ma costante, e agli ancora numerosi elementi di debolezza sembrano far riscontro ampi margini di miglioramento 

Le evidenze suggeriscono inoltre che le nuove tecnologie oggi a disposizione del commercio stanno effettivamente cambiando le dinamiche del commercio tradizionale e permetteranno sempre più di rinnovare il negozio in profondità. 

 

La trasformazione digitale del punto vendita: 4 passaggi chiave 

  1. Dotarsi delle risorse fisiche e digitali più adatte. Registratore telematico, software gestionale, pos intelligente, stampante retail, verificatore di banconote, lettore di codici a barre sono tutti strumenti di ultima generazione che consentono di:
  • semplificare e snellire l’operatività sul punto vendita; 
  • liberare gli operatori da azioni ripetitive permettendo loro di concentrarsi su attività di maggior valore; 
  • eliminare significativamente la possibilità di errore umano; 
  • contribuire alla costruzione di una relazione di fiducia con il cliente. 

 

  1. Privilegiare le interazioni touchless. Scegliere modalità senza contatto fisico per realizzare esperienze più “sicure” durante l’intero processo di acquisto: pagamenti contactless, funzionalità scan and go, esperienze virtuali. Le interazioni touchless rispondono a un’aspettativa ormai molto radicata tra i consumatori.

 

  1. Integrare il registratore telematico in una piattaforma evoluta. Se integrato in una piattaforma web il registratore telematico diventa elemento centrale dell’infrastruttura tecnologica del negozio. I dati in entrata sono raccolti e organizzati in un unico database e possono essere utilizzati per fornire servizi evoluti e personalizzati.

 

  1. Scegliere soluzioni cloud-based. Con un software gestionale in cloud è possibile accedere ai propri dati sempre e ovunque. I servizi in cloud sono usufruibili dall’imprenditore in prima persona, ma anche dai dipendenti del negozio e permettono in questo senso una panoramica condivisa dei processi. Lato impresa, consentono di abbattere i costi di acquisto e gestione, mentre dal punto di vista del consumatore offrono un’esperienza di acquisto completa, senza frizioni e contrattempi.

 

Gestione del punto vendita